Venerdì, 23 Agosto 2019

Rubrica letteraria | Viaggi & Ambiente

Il Libro del Mese di Aprile 2014, Il muro invisibile di Harry Bernstein, è ambientato nella stradina di un quartiere operaio, ma ogni tanto gli innamorati fanno due passi nelle campagne del Lancashire. Ciò che Bernstein non dice è che quello è uno tra i più bei panorami al mondo: infatti, è da posti così che hanno preso ispirazione i grandi del fantasy come Tolkien e la Rowling.

Dentro il libro si sdoppia: saranno due, infatti, d'ora in poi, gli appuntamenti di approfondimento sui Libri del Mese. Oltre a fare il punto sulla storia e la società dei tempi in cui sono ambientati i nostri libri, vi racconteremo anche dei luoghi in cui si svolgono le trame che tanto ci appassionano. Il Libro del Mese di dicembre, Zorro, è ambientato in California: da un lato i paesaggi e le curiosità sullo stato americano più sognato e mitizzato, dall'altro i numerosissimi problemi ambientali che la affliggono.

Di certo non ve lo sareste mai aspettato, ma il petrolio è un argomento che accomuna scrittori e scienziati, due universi che sembrerebbero distantissimi tra loro. Ma perché? Il petrolio cos'è e perché sembra essere così importante per l'uomo? Perché addirittura Pasolini si è scomodato a riempire pagine su pagine di ricerche sull'oro nero?

Ebook ReaderNoi siamo una goccia in mezzo al mare, ma il mare è fatto di gocce. Quello che voglio dire è che ambientalismo ed ecologia non dovrebbero essere affare di pochi, ma dovrebbero entrare nella vita di tutti i giorni, dovrebbero essere una priorità della nostra quotidianità. Se ognuno mutasse le proprie abitudini a favore di pratiche ambientalistiche, assicureremmo ai nostri figli un mondo migliore. Per esempio, anche noi come Club del Libro, come goccia, dobbiamo capire cosa possiamo fare, anche nella scelta dei nostri libri, per aiutare l'ambiente.

Elezioni americane 2012 - Romney vs ObamaLa Rubrica Letteraria, in questo appuntamento, vi racconta degli Stati Uniti, partendo da tre letture a tema: un "on the road" politico, in occasione delle recenti primarie americane, del giornalista Andrea Marinelli, che raccoglie interviste e riflessioni in "L'ospite: pullman, divani e autostop all'inseguimento delle elezioni americane"; le contraddizioni del territorio e del popolo americano descritti da Vittorio Zucconi ne "L'aquila e il pollo fritto. Perché amiamo e odiamo gli americani"; lo sfatamento del sogno americano, visto come un'utopia, attraverso gli occhi di Arthur Miller nel suo "Morte di un commesso viaggiatore". In realtà, il sogno americano di una società aperta a tutti è ancora vivo e forte, nonostante la crisi economica e lo sviluppo vertiginoso dei paesi asiatici abbiano messo in crisi il sistema statunitense e ne abbiano sottolineato difetti e incongruenze. E lo sarà ancor di più, se il presidente Obama avrà il coraggio di continuare la strada delle riforme e dell'uguaglianza...

Ultimi commenti