Venerdì, 23 Agosto 2019

Rubrica letteraria | Interviste

Continuano i nostri appuntamenti con la rassegna letteraria "Tracce d'inchiostro rosa" promossa dall'associazione culturale Nuovapolis di Adrano (CT). Il terzo libro presentato è il romanzo "L'incantesimo della buffa" di Silvana Grasso, di cui possiamo innanzitutto proporvi un breve estratto, grazie anche alla collaborazione di Vanessa Aiosa, per farvi entrare in punta di piedi in questo racconto tutto speciale.

Siamo tornati all'Associazione Nuovapolis di Adrano (CT), nel corso della rassegna letteraria "Tracce di inchiostro rosa", per assistere alla presentazione di "Scusate la polvere" di Elvira Seminara, scrittrice e giornalista siciliana al suo terzo libro. Questo suo ultimo lavoro è stato scelto, tra oltre sessanta romanzi, dalla giuria internazionale della Industry Books per essere presentato ai produttori cinematografici del New Cinema Network presso la Casa del Cinema.

L'associazione culturale Nuovapolis di Adrano, in provincia di Catania, ritorna con la terza edizione autunnale di "Tracce di inchiostro rosa", una rassegna letteraria tutta al femminile con scrittrici della terra siciliana. Il primo incontro, avvenuto il 29 novembre e svoltosi nell'accogliente cornice di Palazzo Bianchi nello splendido centro storico di Adrano, ha visto come ospite la scrittrice Stefania Bonura, autrice e traduttrice che nel gennaio 2006 fondò la XL edizioni, di cui è direttore editoriale e con la quale ha pubblicato il saggio "Le 101 donne più malvagie della storia". Ognuno di noi è attratto dal lato oscuro dell'essere umano. In questo caso l'autrice lo ha cercato in particolare nella donna, storicamente inquadrata o come figura angelica o come figura demoniaca. Molti uomini ne sono stati ossessionati: un esempio è Dino Buzzati, giornalista del Corriere della Sera negli anni '40, era turbato da "La Belva di via San Gregorio", cioè Rina Fort, che assassinò una famiglia, ad Arthur Miller, appassionato delle streghe di Salem.

Quest'oggi il Club del Libro vi parla della drammaturga, regista, poetessa e sceneggiatrice Eve Elsner. Nata nel 1953 a New York, dove tuttora vive ed insegna all'Università, è nota soprattutto per l'opera teatrale "I monologhi della vagina", testo a forte vocazione teatrale scritto nel 1996, che ha visto quali interpreti attrici del calibro di Susan Sarandon, Glenn Close, Melanie Griffith, Winona Ryder, Kate Winslet e molte altre, tra cui anche Lella Costa e Lunetta Savino. È proprio insieme alle due attrici nostrane che abbiamo incontrato Eve in occasione della presentazione, al Salone del Libro di Torino, della sua ultima opera "Io sono emozione", uscito a marzo 2011.

La Rubrica Letteraria del Club del Libro il 15 maggio scorso era al Salone del Libro di Torino, ad ascoltare Massimo Gramellini raccontare del suo "La Patria, bene o male", scritto insieme a Carlo Fruttero: due grandi nomi al servizio della storia del nostro Paese, in questo "almanacco essenziale dell’Unità d’Italia".

Sono passati soltanto quattro mesi da quando abbiamo proposto ai nostri iscritti e a tutti i fan che ci seguono assiduamente in rete la lettura di “Nel mare ci sono i coccodrilli” di Fabio Geda, Libro del Mese di Giugno 2010. Oggi, venerdì 29 ottobre 2010, la Rubrica Letteraria del Club del Libro vi regala un ulteriore emozionante spunto legato al libro dello scrittore torinese. La nostra Elisa (ziaBetty), caporedattrice della Rubrica Letteraria del Club, ha affrontato con entusiasmo ed emozione la sua prima intervista. Buona lettura!

Ultimi commenti